Sospetti sull’esplosione di Beirut

Non è proprio il caso di alimentare dietrologie su quanto accaduto a Beirut: non ce n’è proprio bisogno, dato che in genere da quelle parti la realtà supera l’immaginazione.

Tuttavia un video fra i molti postati su twitter dà adito a forti sospetti:

L’ho visto e rivisto diverse volte e un rumore che si inserisce intorno ai minuti 1:40 – 1:46 sembra quello di un velivolo.

In ogni caso si comprende che l’esplosione è stata preceduta da questo incendio. È pur vero che i chimici dicono che il nitrato di ammonio, comunissimo concime azotato, non prende fuoco, tanto meno esplode, se non innescato in qualche modo.

Nulla poi si è saputo sull’attesa sentenza del caso Hariri, anche quella una bella pagina di sospetti.

Il Medio Oriente è oramai una bolgia infernale, nel disinteresse europeo. Eppure, i conflitti in atto si sono oramai estesi fino alle porte di casa nostra, poiché in Libia si fronteggiano due gruppi diversi di attori mediorientali.

Con chi sta l’Italia?

 

2 pensieri su “Sospetti sull’esplosione di Beirut

  1. Carico di nitrato ammonico di grado militare (non era concime!) prodotto in Georgia e smerciato verso un importatore africano inesistente che nessuno riesce a rintracciare. Nave parcheggiata a Beirut con una scusa. Carico trasferito in un magazzino del porto per ragioni incomprensibili (sarebbe stato meno pericoloso lasciarlo sulla nave!).

    Fabbrica di fuochi d’artificio di fianco al deposito. Fuochi d’artificio: evidentemente pensano che siamo stupidi. I fuochi artificiali erano quelli che poi gli “eroici ribelli” avrebbero usato per fare guerra alla Siria. L’unica cosa che in effetti non capisco è l’origine dell’esplosione: hanno deciso di liberarsi del materiale? Mero incidente? Intervento esterno?

    • Interessanti i dettagli tecnici che hai fornito. Io propendo per un intervento esterno, a mio avviso un messaggio nemmeno tanto trasversale di Israele all’Iran, che aveva preannunciato l’invio di propri mercantili a Beirut per sostenerne le attività economiche, e non solo ovviamente.
      Israele era ovviamente al corrente del materiale lì presente ed ha ritenuto fosse questo il momento di dare un segnale.
      Penso che né il governo libanese né Hezbollah possano permettersi di accusare direttamente Israele, in questo momento, poiché dovrebbero spiegare, come osservi anche tu, cosa ci stava a fare questo “materiale” lì.
      Ovviamente sono soltanto ipotesi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.